E’ tempo di entrare nel merito della città che vogliamo

By 16 marzo 2016Attività

Ora è ufficiale, sarò candidato nelle liste del Partito Democratico per il Consiglio Comunale di Bologna. Per questo è tempo di entrare nel merito della città che vogliamo.

Ho accettato con entusiasmo questa proposta perché, ce lo siamo già detti nel corso dei nostri incontri, non sono i cittadini a doversi reinnamorare della politica ma è la politica che deve reinnamorasi di loro. Dunque la cosa migliore è stare sulla strada, parlare con le persone, rendicontare le cose fatte. Ascoltare, ascoltare, ascoltare.

Inizia per me e una nuova avventura che condurrò con dedizione, continuando a svolgere fino alla fine il mio lavoro da Assessore al servizio dei cittadini e della comunità bolognese. Così come siamo entrati, così ci riproponiamo al giudizio degli elettori, senza rendite di posizione ma solo con il frutto del nostro lavoro. Questo è il senso della candidatura di un Assessore uscente in Consiglio Comunale. Sottoporsi con umiltà al giudizio della propria comunità.

Ma c’è qualcosa di più che voglio dirvi: amo il basket!

Chi di voi ha partecipato all’evento dell’Arci Benassi l’avrà capito. Proprio per questo passatemi una metafora: una campagna elettorale non è un sport individuale e non è uno sport individuale amministrare una città. Per questo motivo abbiamo creato la comunità di ‘Una città con te’, per lavorare insieme prima e dopo le elezioni, e per non perdere tempo. Sfruttiamo al massimo questi mesi e utilizziamoli da subito per continuare a risolvere i problemi della nostra città, per confrontarci, per collaborare attraverso il percorso che ci siamo dati e che in questa newsletter è descritto.

A quanti di voi sono interessati a darmi un mano per la campagna elettorale propongo di sentirci attraverso questa email: unacittaconte@gmail.com, in particolare per proseguire il nostro viaggio nella città, fatto di incontri informali e autentici per parlare di Bologna. Aiutatemi organizzandone uno insieme, ad esempio.

 Grazie!

PS. La foto è di Roberto Serra, grande e gentile fotografo realizzata durante il triangolare di beneficenza “Per non dimenticare”, organizzata il 20 febbraio scorso dalla Fondazione Virtus.

Matteo

Leave a Reply