Siamo un’associazione culturale e un movimento civico
che intende promuovere il dialogo e la collaborazione nella comunità
Vogliamo che nessuno si senta solo,
e che ognuno senta di avere una città al suo fianco
Inclusione, dialogo e ascolto
per ricucire legami e crearne di nuovi, a supporto della politica
Previous
Next

L'inchiesta popolare

Un'indagine dei cittadini per i cittadini

I nostri progetti

Cultura, volontariato, scuola, ambiente

Cosa puoi fare tu?

Segnala criticità, problemi, bisogni e sogni

Webinar | IL VERDE NECESSARIO

Ricostruire un paesaggio agrario nelle zone limitrofe alla città è un importante strumento per mitigare il clima urbano, per produrre cibo locale, per sviluppare turismo a km zero.
Quali sono le tendenze nel mondo? Come far interagire il paesaggio agrario con quello urbano per farlo fruire da chi abita la città? Come costruire una cintura verde in grado di rifornire una città con alimenti a km zero? Come utilizzare reti di sentieri e di ciclovie come risorsa per i cittadini e attrattiva per il territorio?

Con Duccio Caccioni, agronomo (Gruppo Ambiente Una Città Con Te). Con Mauro Agnoletti, Professore Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agricoli Alimentari Università di Firenze;  Anna Mele, Responsabile Osservatorio regionale per la qualità del paesaggio ER,  Mino Petazzini, Direttore Fondazione Villa Ghigi, Stefano Ramazza, socio di Arvaia,  Vito Paticchia, ideatore e progettista di cammini

IL VIDEO DELL'INCONTRO

Bologna è più di una città: Linda Serra

Linda Serra, è CEO e Co-funder di una start-up di innovazione sociale. Cosa fai tu per Bologna? Mi occupo da anni di inclusione di genere attraverso le nuove tecnologie. Nel 2009

Cultura e bellezza al centro: Antonio Puglisi

Antonio Puglisi, imprenditore e professore a contratto dell’Università di Bologna su Computational tools e Information Technology for Arts Organisations. Cosa fai tu per Bologna?  8 anni fa insieme ad alcuni

Bologna è un organismo vivente: Fabio Fornasari

Fabio Fornasari ha sviluppato progetti di natura espositiva e museale ma per presentarlo, nulla di meglio delle sue parole. “Partiamo dalla fine: una persona è quello che ha fatto e